L’arte incontra Salvatore Lanzafame

Considero Salvo un carissimo amico e nello stesso tempo lo ritengo una delle più originali personalità del panorama artistico catanese. E’ un pittore, classe 1973. Si diploma all’Istituto d’Arte del capoluogo etneo nel 1992. Nello stesso periodo frequenta la scuola di pittura e incisione di Gaetano Signorelli per il quale collaborerà come stampatore per tre anni. Nel 1997 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Catania dove, attraverso una personale ricerca, sintetizza la tradizione del paesaggismo Romantico e la forza espressiva dei cromatismi delle avanguardie. La costante ricerca sarà il suo focus.

Continue Reading →

Maccheroni Connection di Roberto Minigioia

Un titolo insolito, una copertina dal sapore gangster e una trama avvincente; sono questi gli ingredienti di Maccheroni Connection, un romanzo poliziesco di Roberto Mingioia edito nel 2017 da Imprimatur.

La storia è coinvolgente fin dalle prime pagine, quando il protagonista, Francesco Spina, esce di prigione e si trova a dover scappare da una banda di criminali che meditano vendetta. Rifugiatosi in un bar della movimentata cittadina siciliana di Ogghiularu (località inventata che letteralmente significa “venditore d’aglio”), assiste all’uccisione di un uomo appena arrivato in città, un certo Luca Pappalardo.

Continue Reading →

Il Bufalo della notte di Guillermo Arriaga

«Prima che esseri umani, siamo animali […] E molto prima siamo dèmoni.»

Parole forti quelle dette da Tania, la protagonista femminile di “Il bufalo della notte”, scritto dal messicano Guillermo Arriaga e pubblicato in Italia da Fazi.
Un romanzo forte, emotivamente destabilizzante, che racconta le intricate vicende amorose e psicologiche di tre amici: Manuel, Gregorio e Tania.

Continue Reading →

La Città Dell’Elefante di Libreria Libò dei ragazzi e degli errori

La Città dell’elefante, la prima guida romanzata di Catania. Dai 7 anni in su’

Abbiamo intervistato le autrici!

Da cosa nasce questo progetto editoriale e perché?

Bianca Caccamese

Mi piace viaggiare e da quando sono mamma condivido questo piacere con i miei figli cercando per loro gli itinerari e gli strumenti giusti per rendergli l’esperienza del viaggio (prima, durante e dopo) una scoperta piacevole e divertente.

Continue Reading →

IL GRADE CHIHUAHUA di Luca Raimondi e Joe Schittino

Il grande Chihuahua, secondo romanzo scritto a quattro mani da Luca Raimondi e Joe Schittino, edito da AUGH! nel 2017, è un ardito esperimento letterario, divertente e imprevedibile. La storia viene narrata in prima persona dal protagonista, un giovane studente universitario di Filosofia di Catania con uno strano hobby: l’omicidio.

Continue Reading →

L’arte incontra Cetty Previtera

Quando pensai a Cetty Previtera mi fu naturale “incontrare” la natura.
Forse era il 1992, durante la mia fase di perfezionamento bonsai mi confrontai con le tecniche di Shozo Tanaka, giapponese, classe 1936, sopravvissuto all’olocausto di Hiroshima. Costui finì il suo peregrinare tra le miti colline nel sud-ovest del Garda, a pochi chilometri da dove abitavo.

Continue Reading →

Corpi estranei di Christian Rovatti

«“Ivan Navi?! Ma è un palindromo!” si sarebbe senz’altro sentito dire… Proprio così: un palindromo! Un nome bifronte, speculare, a due versi, come un errore reversibile, o il lusso di un’altra chance; ma anche illusorio come uno specchio, vano e ridondante come un perpetuo ritorno, beffardo come una condanna a ripetersi in eterno.»

Può un nome concentrare su di sé l’essenza stessa della vita di un uomo? Dopo aver letto Corpi estranei di Christian Rovatti, edito da Giraldi (2017), la risposta è si. Ivan è un musicista over trentenne alle prese con la famosa “crisi” che prima o poi investe tutti coloro che raggiungono quella determinata fascia d’età.

Continue Reading →

Lisbona ultima frontiera di Volodine Antoine

«Onda dopo onda, a ogni scroscio di mota e ciottoli, sulla riva appare un cane con il muso insanguinato. Negli occhi gli si leggono messaggi che soltanto un esperto conoscitore della prateria delle immagini potrebbe decifrare, perché l’uomo che li ha composti, il suo padrone, non sa più che lingue si parlano sulla terraferma, e forse ormai dubita anche dell’esistenza di una costa contro cui l’oceano possa andare a infrangersi.»

Scrittori come Antoine Volodine necessitano di lettori esperti, di visionari, di abili interpreti, di personalità aperte, disincantate, eroiche. Eclettico artista contemporaneo che costruisce, smantella e ricostruisce le sue storie come un bambino che gioca con i Lego.

Continue Reading →

Appunti per un lavoro sul petrolchimico

Raffineria Sonatrach. Augusta 2019

 

Longview, Texas 1949

La Storia del petrolchimico a nord di Siracusa è indissolubilmente legata a questa cittadina capoluogo della contea di Gregg, che ricade nell’area dell’ “East Texas Oil Field”, uno dei giacimenti più importanti degli Stati Uniti. Longview che oggi conta circa 80.000 abitanti, deve la sua fondazione a Ossamus Hitch Methvin, un proprietario terriero che, nel 1870, svendette alla “Southern Pacific Railroad company” 200 acri del suo impero per permettere la costruzione della linea ferrata da Marshall nella contea di Harrison verso ovest nella contea di Gregg.

Continue Reading →

Il Qui e Ora nella scrittura: il buddismo e la letteratura

 

Articolo di Dianella Bardelli

 Scrivere non è denominare le cose, dare loro dei nomi. Scrivere è prendere coscienza delle cose: cose percepite con i sensi, emozioni, ricordi, idee, ispirazioni. Nella Poesia e Prosa Spontanea esperienza e parola coincidono, ovvero si tende a fare in modo che coincidano. Come dire che avere esperienze significa, tramite la scrittura, averne coscienza, averne consapevolezza.

La tecnica della scrittura spontanea inventata da Kerouac è quella che si avvicina maggiormente, nell’ambito letterario, al concetto buddista di consapevolezza e presenza mentale. Al Qui e Ora. Sto in questa situazione (con questo stato d’animo, emozione, ispirazione ) e la scrivo. Non la descrivo o la nomino, ma la scrivo, la racconto, racconto cosa accade a me, qui e ora. Ecco perché, nella scrittura di consapevolezza o spirituale, bisogna prendere sempre appunti; bisogna annotare cosa accade ora, che è come dire bisogna esserne consapevoli.

Continue Reading →