Il Gruppo di Polifemo

«Donna non si nasce. Si diventa»: il mito dell’Orlando

Quello che per la Woolf rappresentava un divertissement, uno svago o, parole sue, «a gay & quickly reading», è risultato essere il libro più venduto della sua produzione letteraria. Un best seller insomma.

Orlando non doveva essere neppure un romanzo, a dire il vero. Una favola forse o, come qualcuno scrisse, la più lunga lettera d’amore mai scritta giacché la Woolf aveva dedicato l’opera alla sua allora amante, la poetessa Vita Sackville West.

Orlando è un uomo che un giorno si risveglia femmina e che per un arco di tempo pari a una manciata di secoli non fa che innamorarsi di uomini e donne, indistintamente.

Viste le premesse, è quindi inverosimile che un romanzo di questa fattura abbia riscosso tanto clamore. Soprattutto per quegli anni, siamo nel 1928.

L’Inghilterra della Woolf aveva delle idee abbastanza chiare sul sesso. La donna era confinata nei ruoli di vergine, moglie, in alternativa vedova.