Categoria: CINEMA

Una risata vi seppellirà!

 

Articolo di Luciana Mongiovì

Nella prefazione de “La voce del padrone” (1968) dello scrittore polacco Stanislaw Lem – lo stesso, per intenderci, del celebre “Solaris” (1961) – l’autore condivide col lettore alcune intime note autobiografiche, rivelando un acume introspettivo di pregevole spessore e coraggio.
Scrive Lem a proposito del suo “male”:«Negli ambienti più decorosi, per esempio in chiesa, o in compagnia di persone particolarmente rispettabili, il mio pensiero correva spesso verso ciò che mi era proibito. (…) Non ricordo quando fu che li intrapresi per la prima volta. Ricordo solo il terribile senso di rimpianto, la rabbia e la delusione che mi accompagnarono per anni quando fu chiaro che nessun fulmine, in nessun luogo e in nessuna compagnia, avrebbe colpito la mia testa colma di cattivi pensieri. (…) la verità è che quel fulmine, o qualsiasi altra forma di tremendo castigo e espiazione, io l’auspicavo, l’invocavo, e detestavo il mondo quale luogo della mia esistenza per avermi dimostrato la vanità di ogni azione mentale, ivi comprese quelle cattive. Per cui, pur astenendomi dall’infierire sugli animali o sull’erba, trituravo pietre e sabbia, malmenavo gli utensili, torturavo l’acqua e facevo mentalmente a pezzi le stelle per punirle della loro indifferenza; e più capivo quanto comici e ridicoli fossero i miei gesti, più mi accanivo con furia impotente».

Da Euripide a Philip Dick, chi ha inventato la realtà?

Il 412 A.C. è l’anno in cui è stata rappresentata per la prima volta Elena, la tragicommedia di Euripide. Epoca buia, imperversa la guerra del Peloponneso, Atene contro Sparta, Pericle contro Archidamo II. Il motivo per cui il drammaturgo riscrive il mito di Elena, elevandola adesso a simbolo della virtù coniugale, funge da espediente per assumere una posizione squisitamente antimilitarista. Le allusioni a un inutile spargimento di sangue, presenti nell’opera, infatti, sono molteplici.

Ricorderete, a questo proposito, il servo che, venuto a sapere dell’abbindolo, domanda sorpreso a Menelao «vuoi dire che abbiamo sofferto invano per una nuvola?» dove con nuvola ci si riferisce proprio a Elena, o meglio al suo ειδολον, la sua immagine, la sua evanescenza, il suo doppio.

In realtà Euripide non dice nulla di nuovo. L’idea infatti della virtuosa e castigata Elena, questa rivisitazione tragicomica di una Penelope in perenne attesa e che declina le profferte amorose del contendente di turno, la troviamo già nella Palinodia di Stesicoro.

Due secoli prima.

Come sta il cinema italiano?

Salvo rare eccezioni, negli ultimi anni ho seguito particolarmente il cinema dell’est, nella sua accezione più estesa. Alludo al cinema rumeno, a quello turco, a quello palestinese, israeliano, iraniano, ma anche russo e coreano. Sembra che riescano a fare ottimi prodotti con budget modesti, o almeno non stellari. Prendete i film di Farhadi, di Jacir, di Ceylan, di Mungiu, di Zvjagincev e tanti altri che confezionano, per il pubblico, temi universali e di qualità.

Il punto è: e il cinema italiano? Dov’è finito? E’ andato in malora come tutto il resto dell’ei fu Bel Paese? Direi di sì, o forse.

Appunti per un lavoro sul petrolchimico

Raffineria Sonatrach. Augusta 2019

 

Longview, Texas 1949

La Storia del petrolchimico a nord di Siracusa è indissolubilmente legata a questa cittadina capoluogo della contea di Gregg, che ricade nell’area dell’ “East Texas Oil Field”, uno dei giacimenti più importanti degli Stati Uniti. Longview che oggi conta circa 80.000 abitanti, deve la sua fondazione a Ossamus Hitch Methvin, un proprietario terriero che, nel 1870, svendette alla “Southern Pacific Railroad company” 200 acri del suo impero per permettere la costruzione della linea ferrata da Marshall nella contea di Harrison verso ovest nella contea di Gregg.

Sconcerto al festival di Taormina. Parte II

Intanto sul palco, l’eccitazione della folla veniva placata dai due buttafuori, che dopo avere accerchiato Ronald Green, lo scortavano verso il parodo a ovest del teatro e poi dentro un’auto di lusso fino al San Domenico Palace.
Carlo Martelli che poco prima aveva cercato di fermare la Brocca, prese subito le redini del festival: Buonasera spettatori del Tao film fest, purtroppo c’è stato un problema con la nostra general manager che ha accusato un piccolo malore. Niente di grave! ma non può proseguire lo spettacolo…Quindi anticipiamo i tempi e proiettiamo il film in programma questa sera “Picnic at Hanging Rock”. Questo film, che ha reso noto in tutto il mondo Peter Weir e il cinema australiano, torna a Taormina dopo 42 anni. Venne proiettato in anteprima europea in questo stesso luogo e fu premiato con il Gran Prix. Buona visione.

Sconcerto al festival di Taormina. Parte I

Tivadar Csontváry Kosztka; Le rovine del teatro greco di Taormina

 

Tramonto a Taormina

Un fiume di gente calpesta a passo lento il corso Umberto; tra chi odora ancora di salsedine e chi si è già messo in ghingheri per la sera. Giù, nella spiaggia di fronte a isola Bella, non sono rimasti che pochi bagnanti: una turista bionda di mezza età, tutta agghindata, che legge le ultime pagine di un noir di autore ignoto tedesco, una coppia di adolescenti che si sbaciucchia appassionatamente sul bagnasciuga senza curarsi di chi e che cosa ci stia intorno e un uomo in maschera e tubo che, emergendo dal fondo del mare, interrompe un silenzio surreale.

La militanza del cinema King

Pomeriggio al King: Cinestudio

Il film è Su Re del regista architetto Giovanni Columbu, una versione sarda della passione di Cristo con attori non professionisti ambientata tra le pietre di Supramonte. Un film visivamente ostico e che difficilmente troverà posto in una prima serata di un canale generalista della televisione italiana. Il numero di spettatori non supera la decina e tutti abbondantemente sopra l’età della pubertà.

Il senso del luogo nel cinema

  Stephen Shore. “2nd Street East and South Main Street, Kalispell, Montana, August 22, 1974″

Quando parliamo di connessione tra cinema e senso del luogo, vogliamo riferirci a quel tipo di racconto dove i personaggi sono immersi in un territorio specifico e peculiare tanto che la sua drammaturgia si possa sviluppare in quel posto e in nessun’altra parte.

Vita Da Set

Articolo di Federica D’Ignoti

Sveglia ad orari improponibili per andare in posti spesso che non hanno accesso al pubblico, in condizioni igieniche disagiate. Lavori la maggior parte delle volte per più di 10 ore, in alcuni casi anche venti.

Spesso la sera prima di andare a letto conti con le dita le ore di sonno che hai davanti a te e quando completi la mano ed arrivi a cinque, sei felice perché sai già che l’indomani ti sveglierai riposato. E poi corri, corri tutto il giorno, con l’ansia che a tutti i costi devi finire il tuo lavoro  perché, come se fosse una questione di vita o di morte,  devi rispettare gli orari e se non lo fai,  sai che sarà colpa tua e questa cosa non può accadere perché hai la responsabilità di altre circa 70 persone che hanno bisogno di te per andare avanti, oltre ad avere il peso di migliaia di euro sprecate inutilmente, hai la responsabilità che se sgarri, quella cosa non potrà più essere fatta, perché non c’è la luce, non ci sono più i permessi, quella persona poi è impegnata in un altro lavoro, non ci sono più i soldi.