Categoria: LETTERATURA

Vuoti di apprendimento

articolo di Ciccio Schembari

A causa del coronavirus e della forzata sospensione delle lezioni, c’è chi ha enunciato due concetti importanti, “vuoto di apprendimento” e “mancata crescita educativa”, e ha sinceramente espresso che peseranno gravemente sugli scolari. Teoricamente sottoscrivo in pieno questo giudizio, ma, pensando alla mia carriera scolastica, lo trovo esagerato se non anche ingiustificato.
La mia carriera scolastica è stata un continuo accumulo di “vuoti di apprendimento”, notevole per quantità e per qualità. La racconto per insinuarle elementi di dubbio brechtiano, anche laddove sembra non essercene.

Roberto Bolano, lo scrittore selvaggio

articolo di Adriano Fischer

Roberto Bolaño nasce il 28 aprile 1953 a Santiago del Cile da una famiglia molto povera, analfabeta e di tradizione rigidamente proletaria ma sarà il Messico a diventare la sua terra d’elezione e formazione spirituale.

Lettore vorace, ladro di libri per amore, parolaio, cronopio, sempre all’irrequieta ricerca di poesia. Un ammalato di letteratura che dentro le parole ci muore.  Alla sua morte, nel 2003 per cirrosi epatica, nasce una mania mitizzante che non ha precedenti nella storia dei post mortem artistici. Negli Stati Uniti, le sue opere sono state vendute in 100 mila copie, cifra record per un paese che legge libri tradotti solo per il 3 per cento.

Possiamo salvare il mondo, prima di cena. Perché il clima siamo noi, J. S. Foer

 

articolo di Sara Bartolucci

«La crisi ambientale, pur essendo un’esperienza universale, non ci dà la sensazione di un evento di cui facciamo parte. Anzi, non ci dà proprio la sensazione di essere un evento. […] È solo il clima, solo l’ambiente. Quasi certamente però le generazioni future guarderanno in retrospettiva e si chiederanno […] Per quale ragione al mondo abbiamo scelto di suicidarci e di sacrificare loro?»

Il lavoro dagli uomini alle macchine

 

articolo di Ciccio Schembari

In natura nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma!
In un tozzo di pane, oltre a quella solare, c’era, fino a cinquanta anni or sono, l’energia muscolare degli uomini e delle bestie che aravano, mietevano, trebbiavano, macinavano, impastavano, ora c’è l’energia del petrolio consumata dalle macchine che fanno tutte quelle azioni.
Quando, circa dieci mila anni fa, le donne e gli uomini (non l’UOMO) impararono a trasformare l’energia muscolare propria e quella degli animali in prodotti di consumo, diventarono agricoltori, col sudore della loro fronte mangiarono il pane e cambiarono il volto della terra.

Luciano Canfora, Il Sovversivo, Concetto Marchesi e il comunismo italiano

recensione di Loredana Pitino

Luciano Canfora, forse il più grande intellettuale vivente in Italia, dedica un volume monumentale (978 pagine) a un personaggio complesso, un grande intellettuale italiano, siciliano, un comunista “puro” (come egli stesso si definiva), uno dei fondamentali studiosi della Lingua e della Letteratura latina: Concetto Marchesi, un sovversivo.

Attraverso la vicenda personale, politica e intellettuale di Marchesi, Canfora ripercorrere l’intera vicenda del movimento socialistico italiano: dai fasci siciliani al PCI, dalla scissione di Livorno alla persecuzione fascista, dal giuramento degli intellettuali al Partito fascista, alla guerra e alla Resistenza, al dibattito politico degli anni Cinquanta.

Caducità e pandemia

Statistica A-Z

articolo di Luciana Mongiovì

Lo stato di emergenza – Covid-19, che ha modificato in modo così repentino e drastico le nostre abitudini di vita sovvertendone alcune delle coordinate di riferimento, unitamente alla paura del contagio e all’isolamento sociale, sta riattivando, spesso potenziandole in intensità, angosce profonde e primitive che, come primo effetto, mettono a dura prova la nostra capacità di pensare.

Armi per pane. Uccidere è peccato, ma non lo è produrre armi di sterminio

 

articolo di Ciccio Schembari

Tra i dieci comandamenti c’è ‘non uccidere’ ma non c’è ‘non produrre armi’. Per armi intendo quelle pesanti con cui si fanno le guerre e gli stermini. Si proibisce l’uccisione ma non la produzione degli strumenti di uccisione. Certo, all’epoca di Mosè non c’erano armi terribili, ma all’epoca della Costituzione Italiana c’erano e si conoscevano ed erano state sganciate due bombe atomiche, che avevano fatto strage indiscriminata di civili, donne e bambini, eppure l’art. 11 dice che l’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali, ma non proibisce la produzione delle armi con cui si fa la guerra. E l’Italia ne produce tante, tra cui la Valmara 69, una delle mine antiuomo più devastanti. Hanno poi chiamato la guerra “missione di pace” e hanno aggirato l’art. 11.

Non so se questa stessa norma è prevista nelle costituzioni degli altri Stati e comunque nel preambolo dello Statuto delle Nazioni Unite si legge: “Noi, popoli delle Nazioni Unite, decisi a salvare le future generazioni dal flagello della guerra, che per due volte nel corso di questa generazione ha portato indicibili afflizioni all’umanità, […]”

La mia ricetta di scrittura di Davide Pappalardo

Prima venne l’atmosfera, poi furono i personaggi e quindi la trama.
Questo il mio ordine di priorità quando scrivo.
Io di un romanzo infatti, anche da lettore, amo di più l’atmosfera che la trama.
Per provare a creare l’atmosfera giusta ho un mio modo di fare molto semplice.
Ascolto musica legata al periodo di riferimento (nella pause dalla scrittura), guardo film e leggo parecchia roba del genere a cui mi voglio accostare. Non per copiare ma per entrare nell’anima della storia che voglio raccontare.

Quando ho scritto Che fine ha fatto Sandra Poggi, a me interessava costruire un certo tipo di romanzo con personaggi ben delineati e un certo tipo di atmosfera. Volevo ricreare un contesto hard-boiled, quello dei romanzi con investigatori tormentati, locali fumosi, pugni. Quei romanzi che se fossero vecchi film ve li immaginereste con Humphrey Bogart o Robert Mitchum.
E così ho letto scrittori diversi tra loro come James Crumley e Charles Willeford e ho fatto un ripasso di Chandler e Hammett.
Con questo metodo mi immergo nel clima della storia che voglio raccontare.

I PIONIERI di Luca Scivoletto

 

recensione di Loredana Pitino

Enrico Belfiore, figlio del sindaco del paese e vicesegretario regionale del PCI, è il protagonista di questo romanzo; il PCI è l’alter ego di Enrico, il suo rivale, il padre-padrone che condiziona e gestisce la sua vita.
Modica è il luogo di ambientazione del romanzo, anche se l’autore lo chiama sempre il Paesone, “la provincia rossa, la più rossa del Sud Italia”, e qui si svolge una vicenda che ha il sapore dei racconti di formazione.

Perché gli ebrei sono così odiati?

articolo di Adriano Fischer

Ho avuto sempre una gran simpatia per il popolo ebraico, sarà perché mi schiero sempre dalla parte delle minoranze, sarà perché adoro Roth, Kafka, Malamud, Safran Foer, sarà perché ho visto tutti i film di Woody Allen, sarà perché mi piace dire roba come Bar Mitzvah o Mazel tov, sarà perché Marx era ebreo, Freud era ebreo, Proust era ebreo.

La verità è che mentre alcune religioni puntano sulla pace interiore, o sul rifiuto del peccato, o sulla fede, l’ebraismo punta sull’intelligenza, sotto il profilo testuale, rituale e culturale. D’altronde, perno della religione è l’osservanza e lo studio continuo del Talmud. Tutto è studio, tutto è preparazione, un perenne riempire la cassetta degli attrezzi mentali finché non si è preparati a qualunque situazione, come scrive Safran Foer.