Il Gruppo di Polifemo

Potere al propoli: il mito dell’invasione

Quest’articolo nasce essenzialmente da una parola che, per ragioni ignote, mi è rimasta a mantecare in testa per un po’ di tempo. E ancora ribolle. La parola è: invasione. A me evoca sempre la medesima immagine, un centinaio di valchirie che galoppano furenti, aizzati dalle note di Wagner.

Leggere per legittima difesa

…diceva Woody Allen. Voglio dire, se esiste un motivo concreto per leggere, beh, è quello, per legittima difesa. Che si capisca o no, il libro resiste a qualunque aggressione e nella maggior parte dei casi mette in fuga l’aggressore. Quest’ampliamento della solitudine come lo definiva, boh, non ricordo, è il rifugio in cui si forma, si educa la personalità di un individuo.