Il Gruppo di Polifemo

Cento False partenze di Francis Scott Fitzgerald

 

Una prima considerazione che fa da cornice a quest’autobiografia in racconti riguarda proprio la casa editrice che ha curato la pubblicazione.

Premessa che non posso trascurare.

Alludo, infatti, alla Belleville editore, l’omonima scuola di scrittura di Milano che da due anni si abbiglia da casa editrice. Nella fattispecie, non tradendo i suoi temi, propone al pubblico quanto sul tema della scrittura non è stato tradotto o risulta semplicemente introvabile.

Cento false partenze di Francis Scott Fitzgerald – sottotitolato Autobiografia in diciassette racconti – è esattamente un parto di questo tipo.

Per chi ama Fitzgerald rappresenta, a mio avviso, una piccola perla che suggella, impreziosendola, la familiarità con lo scrittore.

Per chi, al contrario, non lo conoscesse, potrebbe rappresentare l’abbrivo per avvicinarsi a uno tra i maggiori scrittori statunitensi. Lo stesso del Grande Gatzby, di Tenera è la notte, di Belli e dannati.

Sono, appunto, diciassette racconti scritti tra il 1920 e il 1947 che ripercorrono, in ordine strettamente cronologico, il percorso artistico dello scrittore, dall’adolescenza alla sua consacrazione. Il suo cammino ricalca perfettamente i tempi che ha attraversato e la generazione cui ha fatto parte, quella stessa generazione che Hemingway in Fiesta ha definito Lost Generation, alludendo a quel gruppo di scrittori che ha ottenuto successo durante la prima guerra mondiale.

Storie e vicissitudini che s’inanellano in terza persona, – e in prima, in capitoli come Come vivere con trentaseimila dollari all’anno o Come vivere praticamente di nulla, nei quali il materiale è più intimo e confidenziale – che partono da Princeton, passano per Zelda, la moglie, e per i suoi numerosi viaggi in sua compagnia per l’Europa, Costa Azzurra, Parigi.

Ville, mondanità, chateau, party, personaggi incliti e celebri tra nobili, scrittori e pittori dell’epoca, arricchiscono e rendono suggestiva un’esistenza culminata a quarantaquattro anni.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *