Tag: Catania

Agata o Sant’Agata

articolo di Ombretta Costanzo

La saga di Sant’Agata trascina dietro di sé elementi concreti di ascesa spirituale, rispettati dalla tradizione e rielaborati in chiave pagana che ha proposto una visione ciclica di eventi mitici e stimolato un’attesa metempsicotica di modelli femminili.
Sappiamo che nell’antichità fra i culti più praticati riferibili a Catania, c’era quello delle divinità Demetra, Cerere e Iside. Non è insolito supporre che in Sicilia il cristianesimo abbia seguito il metodo di sostituire alle antiche divinità pagane i nuovi modelli cattolici come Cristo, Maria e i vari santi e che la figura di Agata si sia imposta dunque più facilmente anche per la preesistenza di analoghi modelli miscredenti.

…o come dicevan tutti Peppa ‘a cannunera

Articolo di Ombretta Costanzo

Via Peppa la cannoniera è incastonata in quella trama di “vanedde” che si mimetizzano nella zona più folkloristica e intrigante di Catania da cui mi ostino ad estrarre propositi con misterioso sentimento. Ho un’antica fissazione per nomi di vie e piazze, da piccola le memorizzavo come se fosse un lavoro; “via Peppa la cannoniera” trovavo fosse insolito e divertente e chiesi notizie a mia mamma. Chiaramente ho rimosso in breve tempo, finché, in una delle mie recenti perlustrazioni socio-antropologiche, ho esplorato via Purgatorio, la perpendicolare, mi giro e rileggo quel nome.

Nuovi orientamenti su prevenzione e governo del territorio

Qualche tempo fa, in un articolo, ho affrontato il tema del rischio sismico e, con tono greve ho concluso: «[…] non è possibile evitare che un terremoto si verifichi, ovvero è impensabile agire sulla pericolosità sismica di un dato luogo, ci si può tuttavia difendere dai suoi effetti devastanti, agendo sulla struttura urbana ed edilizia, con azioni che riducono la vulnerabilità sismica delle stesse».

Catania vista dal mare.

Tuttavia, se a dirsi sembra cosa facile, a farsi è un groviglio di competenze, conoscenze specialistiche, risorse... da sciogliere al fine di trarne una conclusione quanto più vicina ad un metodo, che in quanto tale, sia facilmente comprensibile e replicabile.

La militanza del cinema King

Pomeriggio al King: Cinestudio

Il film è Su Re del regista architetto Giovanni Columbu, una versione sarda della passione di Cristo con attori non professionisti ambientata tra le pietre di Supramonte. Un film visivamente ostico e che difficilmente troverà posto in una prima serata di un canale generalista della televisione italiana. Il numero di spettatori non supera la decina e tutti abbondantemente sopra l’età della pubertà.

La Fenice, la prima libreria steampunk di Catania

Il contesto è elegante e silenzioso. Per certi versi non sembra neppure di stare a Catania. Nell’ora prandiale poi i rumori sfumano via e il sole continua a battere sull’asfalto adesso deserto. Le saracinesche si chiudono, infrangono per un secondo, un silenzio ancestrale.

Mi trovo in via Garibaldi, l’arteria storica della città che parallela alla via Vittorio Emanuele sbocca nella pulsante Piazza del Duomo. La libreria Fenice è discretamente in equilibrio tra il Duomo e Porta Garibaldi. In questo punto si vede stagliarsi imponente la Cattedrale di Sant’Agata, con il suo pennacchio che buca il cielo.

Sensibilizzare al rischio sismico

«il paradosso di Catania è che rinascere le è venuto meglio che nascere […], risorta dalle ceneri ma poi incapace di crescere con la stessa qualità»

Catania – I crolli in città come effetti del terremoto dell’XI grado MCS dell’11 gennaio 1693. Il particolare dalla grande carta di Anonimo, conservata alla Staatbibliothek di Berlino (da E. Guidoboni e E. Boschi, Catania, terremoti e lave, dal mondo antico alla fine del Novecento, 2001, p. 134-135).