Di cosa parliamo quando parliamo di razza?

 

Articolo di Adriano Fischer

Il recente attentato ad Hanau ha testimoniato l’ennesimo episodio razzista e xenofobo, e contestualmente l’ennesima dimostrazione della stupidità cieca del genere umano.

L’idea di una suddivisione delle popolazioni in razze, biologicamente distinte, cioè caratterizzate da una gerarchia di capacità intellettive, valoriali, etiche o morali non trova alcun fondamento scientifico.

Traguardo ufficializzato poi nella dichiarazione sulla razza dell’Unesco, del 1950, in cui si nega ogni correlazione tra le differenze fenotipiche nelle razze umane e le differenze nelle caratteristiche psicologiche, intellettive e comportamentali.

Ma quando abbiamo allora iniziato a sentire la necessità di classificare il genere umano per razza?