ZIA FAVOLA di CONO CINQUEMANI

Ventesimo secolo. Zia Favola parte sola da un piccolo peasino della provincia di Catania, San Cono. Dal porto di Palermo prende il grande stimbotto con il quale raggiunge l’America, Nuova York. Qui, c’è Michele ad aspettarla, il fidanzato.  Zia Favola appartiene alla prima generazione dei siciliani, partiti per gli stati uniti per cercare un vita migliore, una dignitosa. La fortuna non è però dietro l’angolo. Zia Favola deve attraversare un’infinità di disavventure, note a tutti coloro che emigrano per fame e per miseria.E se partire non era facile, non lo sarebbe stato neppure viaggiare. Si sa, la prima classe costa mille, le seconda cento, la terza dolore e spavento. Con Zia Favola c’erano tantissime persone, tutte ammassate, provenienti da ogni parte d’Italia, le donne, se non maritate, erano con la fotografia del promesso sposo ad attenderle nel porto di Novaiorca. Arrivare a Novaiorca, malgrado tutto, non significava nulla. Bastava un nonnulla per rientrare in Cilicia. I promessi restavano promessi e delusi perché lo Stato Mericano non avrebbe accolto dei migranti con malattie.

Continue Reading →