Il Gruppo di Polifemo

BELLA COHEN di Adriano Fischer

Si apre il sipario dentro un piccolo teatro con sedili e palco in legno scricchiolante, luci spente e silenzio, atto primo: una schiera disordinata di uomini e donne con la maschera che tenta di suggellarne l’indole.

E’ così che mi sono vista durante la lettura di Bella Cohen di Adriano Fischer, scomodamente seduta ma stimolatissima dalle aspettative.

La trama della “commedia” è affascinante ed emblematica: il regista, con morbido dispotismo, obbliga gli attori a recitare a soggetto su un canovaccio modellato e rifinito, volto ad abolire la barriera tra recitante e platea.