Trovami un modo semplice per uscirne di Nicola Nucci

 

recensione di Sara Bartolucci

Prendiamo due ventenni, un operaio e un disoccupato, chiusi in uno scantinato durante un pomeriggio qualsiasi. Mettiamoci una buona musica di sottofondo, da bere, da fumare e un’irresistibile voglia di espellere dall’anima tutta l’insoddisfazione che li logora: ecco la cornice di Trovami un modo semplice per uscirne.
Un non-romanzo, finalista del Premio Calvino 2018, che nella sua apparente semplicità è un concentrato esplosivo di riflessione. Non è un romanzo né un’ opera teatrale ma un dialogo ininterrotto fra due amici annoiati dalla routine, che vogliono “trovare un modo per uscirne”. Come? Progettando una rivoluzione.