Tanto a me non accadrà mai!

articolo di Luciana Mongiovì

Alcuni fatti di cronaca alquanto cruenti, che hanno scosso la sensibilità collettiva alimentando – come è consuetudine – una sorta di tribunale mediatico, richiedono delle riflessioni più attente. Quando, ad esempio, un bambino piccolo viene dimenticato dentro una macchina per ore con temperature infernali, quando due ragazze attraversano la strada in condizioni di estremo rischio col semaforo rosso e la pioggia battente, quando una persona si mette alla guida dopo aver ingerito alcol e/o assunto stupefacenti, ci troviamo di fronte a fenomeni facilmente e difensivamente etichettati, e così liquidati, come incomprensibili e inaccettabili.